Vie d’Acqua Vie di Terra


VIE D’ACQUA VIE DI TERRA

Il percorso dei mulini di Asciano

2015

 

 

Acqua e Terra, secondo gli antichi due elementi indispensabili per l’origine della vita, s’incontrano in questa esposizione.

Ad Asciano di Acqua e di Terra si parla non solo come elementi fisici, ma anche come simboli, di percorsi e vie nelle quali l’uomo ha camminato e si è poi evoluto.

Vie di Terra ci rimanda sicuramente al ruolo centrale che Asciano ha avuto con i percorsi romani prima e medievali poi, da cui si è generata la stessa via Lauretana.

Ma la terra, intesa altresì come elemento materico di creta o argilla, abbondante nelle nostre campagne, che ha permesso ad Asciano, nel basso Medioevo e Rinascimento, di emergere come paese produttore di eccellenze nel campo delle ceramiche e non solo.

L’acqua, fonte di benessere c’indirizza invece all’antico tracciato che fin dagli Etruschi e i Romani ha condotto queste civiltà presso le nostre terre ricche di sorgenti.

E’ in questi fiumi che l’uomo si è adoperato per usare l’energia delle correnti sorgive, con lo sviluppo dell’attività molitoria.

Quindi le risorse naturali della terra della Scialenga e l’attività dell’uomo, saranno i temi chiave d’indagine. Ricerca questa che si propone ancora una volta come valido strumento di conoscenza, dei rapporti intercorsi tra l’attività dei mulini e il territorio, sotto il profilo rurale, storico, antropologico.

L’intento è ancora una volta quello di riportare agli occhi del presente e alla coscienza collettiva la storia delle attività artigianali connesse alle vie d’acqua ascianesi. Non un recupero romantico del passato, ma un’analisi consapevole dell’importanza che acqua, e lavoro dell’uomo hanno rappresentato nello sviluppo produttivo, architettonico, sociale e culturale di Asciano. Un tentativo di far emergere nella evolversi dei processi storici un’ulteriore goccia di memoria, con una nuova pagina di storia che racconti abitudini, usi e costumi dei nostri nonni e di coloro che li hanno preceduti, talvolta non senza qualche nota nostalgica.

Ulteriori informazioni sui mulini sono disponibili a questo link: Vie d’Acqua – Vie di Terra