Ecclesiae


ECCLESIAE

Strutture religiose del territorio di Asciano

2016

 

 

Quando nei libri di storia si leggeva della distruzione relativa ai simboli di una civiltà, la si riteneva propria di un lontano passato di barbarie o frutto degli scempi condotti da un ideologia o da una religione “altra.”

E così è stato per secoli…Tuttavia oggi siamo di fronte all’angoscia del ripetersi di questi eventi, causati spesso dalla nostra incuria, dalla nostra indifferenza, in nome di un progresso che macina o “consuma” le nostre identità.

Ma l’essenza di ciascuno di noi, individui di un popolo e di una comunità, di ogni luogo e di ogni tempo, atei o credenti, non è altro che la nostra memoria, personale o collettiva, storica o spirituale che sia. A noi il compito di conservarla per mantenere in vita “noi stessi.”

Recuperare la storia delle nostre chiese, vuole essere un modo per ricordare antichi luoghi d’arte e di culto, ma anche d’incontro e di cultura delle comunità di tutti i tempi.

E’ anche all’interno di quei luoghi che si è evoluta la nostra società, laddove sono nati tesori creati dalle mani di sapienti pittori, scultori o architetti che per fortuna ancora oggi, in molti casi, sono lì a testimoniare che “la bellezza da sola basta a persuadere gli occhi degli uomini senza bisogno d’oratori” (W. Shakespeare). E’ innegabile infatti come nell’intimo ricordo di ciascuno di noi esista l’immagine di almeno una chiesa, a cui è legato il nostro passato, come quello dei nostri avi, che hanno camminato su quelle pietre, che hanno pregato quei Santi, che hanno adorato meravigliati l’immagine del Cristo o della Madonna.

Con questa iniziativa Asciano offre, nell’anno del Giubileo indetto da Papa Francesco, un altro frammento della propria storia d’arte e di devozione, per rendere omaggio a quei monumenti del passato, quali testimonianze di aspirazioni spirituali dell’uomo nella ricerca di una bellezza suprema; perché non appartengano più solo al popolo che li costruì, ma perdano le bandiere di un tempo, diventino patrimonio di tutti noi abitanti nelle periferie del Belpaese, ignori spesso che i tesori esistono… ma non sappiamo vederli perché nascosti proprio sotto i nostri occhi, abituati come siamo a guardare sempre troppo lontano.

Ulteriori informazioni sulle strutture religiose citate nella nostra pubblicazione sono disponibili a questo link: ECCLESIAE